In un assolato sabato di fine febbraio, sul treno Pisa-Bologna, mi imbatto su Alias nell’intervista ad un regista indipendente, Davide Manuli. E’ italiano e spiega le difficoltà che ha avuto per girare il suo nuovo film La Leggenda di Kaspar Hauser che ha presentato en premièr al festival di Rotterdam, quello di Istanbul e nei seguenti festival in giro per l’Europa:

CPH PIX COPENHAGEN 12 – 29 APRILE
Mediterranean Film Festival – SPLIT/Croatia (giugno 2-9)
NOVISAD CINE CITY INTERN FF 16 – 23 GIUGNO
MOSCA FILM FESTIVAL fine giugno/luglio
COOL CONNECTIONS ART GROUP FILM FEST
RUSSIA MOSCA evento sull’isola luglio
NEW HORIZONS IIF POLONIA 19 29 LUGLIO
HAMBURG FILM FEST 27 SETTEMBRE 6 OTTOBRE
SITGES SPAGNA (preselezione) 4 14 ottobre
STOCKHOLM FILM FEST 7 – 18 NOVEMBRE
European Film Forum SCANORAMA 2012 (Vilnius 15-18 nov)

La notizia, appresa da una nota dell’autore su Facebook è che in Italia NON sono previste proiezioni, nè ufficiali, nè clandestine nonostante:

“il film è piaciuto tantissimo al 90% del pubblico normale, mentre il 10% lo ha odiato abbandonandone la visione.
Coi selezionatori dei Festivals è andata così:
1. Gaia Furrer e Giorgio Gosetti delle ‘Giornate degli Autori’ a Venezia lo ritengono un capolavoro assoluto, ma non lo possono prendere per problemi di Anteprima.
2. I direttori di Torino, Gianni Amelio ed Emanuela Martino lo ritengono un capolavoro assoluto. Idem per Davide Oberto.
Non lo hanno potuto prendere perchè Berlino li ha tenuti sul filo facendo perdere la loro scadenza.
3. Per il direttore di Rotterdam è un capolavoro assoluto.
4. Per il direttore del Tribeca, Frédéric Boyer (ex-Cannes), è un capolavoro ma non lo può selezionare perchè lo ritiene troppo difficile per lo standard classico del loro programma.
5. Per il direttore di Berlino, il film è inguardabile e fa schifo.
6. Per il direttore della Quinzaine a Cannes, il film è mediocre.
7. Per il selezionatore di Locarno, Roberto Turigliatto, il film è un capolavoro assoluto, ma non lo può prendere per problemi di Anteprima.
8. Per il direttore di Filmitalia, Carla Cattani, è un capolavoro assoluto.
9. Per il Presidente di Cinecittà Luce, Roberto Cicutto, è un capolavoro assoluto.

Scopro inoltre con stupore e la solita punta d’orgoglio che il film è girato in Sardegna (nelle dune di Piscinas) dove il regista aveva già lavorato alla realizzazione di Beket.

Per le specifiche tecniche vi rimando al dizionario del cinema, io non posso far altro che mostrarvi il trailer, per darvi l’idea:

Annunci

2 pensieri su “La leggenda di Kaspar Hauser

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...