«Pervenuto al limite dell’ascoltazione di se stesso, e dovendo ammettere di aver sbagliato tutto nella vita, un uomo vede aperte due strade: o suicidarsi o, come diceva Aurora, “cambiar pelle”. Cambiar pelle non si può: occorre un volontà riservata a pochi. Solo i santi vi riescono, e qualche volta i poeti. Coloro, cioè, che credono veramente in qualcosa di eterno. Il suicidio è più facile, è alla portata di ogni intelletto medio. Ma per suicidarsi occorre non volersi bene, o volersene troppo. Bisogna credere, altrettanto veramente, che la vita non possa offrire altre gioie. Oppure che queste gioie sarebbero inaccessibili e misere qualora restassimo in vita. Rari sono i santi, più rari i Poeti. Il numero degli intellettuali medi che un giorno si accorgono di essere giunti al loro fallimento morale è, invece, sterminato. E i suicidi, al confronto, uno zero. Si apre allora ai nostri occhi, una terza strada, che è l’unica sulla quale sappiamo di poterci avventurare poichè è quella che ci ha condotti dove siamo. Si tratta solo di correggere il nostro passo che finora è stato faticoso, ed ha finito con l’avvilirci perchè camminavamo ai margini, tra i sassi e gli sterpi che la nostra coscienza accumulava – e tutte le pietre miliari erano nostre, tante ferite nel cuore! Ora invece decidiamo di battere la via maestra, quella sulla quale camminano milioni come noi, e di tenere lo sguardo fisso all’orizzonte. Era pur quella la meta che ci prefiggevamo: è camminando spediti “sulla buona strada” che la raggiungeremo. Vi sono, naturalmente, anche su questa strada ostacoli e barriere, ma ci apriremo il varco assieme agli altri, e getteremo le macerie da una parte: le macerie che quando procedevamo da soli, ai margini della strada, ci ostruivano il cammino, con i loro dubbi e rimorsi. Così facendo, un uomo tradisce, sì se stesso, ma una volta per sempre. Dopo di chè avrà finito di fingersi. Attaccandosi a questa certezza, con la disperazione del naufrago, toccherà subito la riva della persuasione, si sarà autenticamente trasformato. Non si ricorderà più quello che egli era. E non perchè non vorrà ricordarsi, ma perchè davvero non si ricorderà. Avrà a suo modo cambiato pelle, e creduto di conservare intatto l’Ideale. Che gli sembra lo stesso eterno, ma che invece è caduco, come il suo corpo, perchè è diventato un ideale inaccessibile al suo corpo. Ora egli è certo di arrivare alla mèta. Di arrivare si tratta. Arrivare cioè al giorno in cui si incontrerà con la morte, che oggi ha rifiutata sicoome la vita gli offriva ancora delle gioie che meritavano di essere godute: sono gioie semplici, umane come onesto e semplice è sempre stato il suo spirito. Alla vita noi chiediamo il successo del nostro lavoro, la felicità familiare, l’affermarsi dell’ Idea in cui abbiamo sempre creduto e per la quale abbiamo lottato e siamo arrivati al limite della disperazione. Ma non domandateci di ricercare le cause di cotesta disperazione, si tratta di una cosa che non c’è mai appartenuta. Del nostro passato noi ricordiamo soltanto ciò che ci concilia col nostro presente, e che serve al nostro avvenire. E siamo sinceri, adesso, disperatamente sinceri. Non chiamate tutto ciò vigliaccheria: dimenticare è l’aiuto che ci offre la vita, perchè la viviamo.»

Vasco Pratolini, Cronache di poveri amanti, 1947

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...