Ecco le nuove Regolamentazioni in materia Edilizia a Viddalba. Sottolineiamo che le possibilità di costruire nella zone E (la zona agricola) stranamente (non notate come sia musicale la parola “stranamente”?) aumentano.

Ecco cosa potremmo fare in più nella zona agricola (attigua alla zona B, la C e la F lottizzata):

Piscine, barbecue, forni, installazione di gazebi, elementi di arredo di aree pertinenti agli edifici esistenti o da realizzarsi.
Muri di cinta e cancellate,
Aree destinate ad attività sportive e ricreative,
Installazione di impianti tecnologici al servizio degli edifici esistenti o da realizzarsi,
Opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, per aree di sosta e parcheggio,
Pergolati e grigliati,
Parcheggi di stretta pertinenza nel sottosuolo del lotto su cui insiste il fabbricato.

Questo giusto ad onor di cronaca.
Nella delibera si legge inoltre:

Le seguenti realizzazioni sono fatte salve a condizione che non sia prevista nuova volumetria.

Ora io mi chiedo come si possano costruire tutte queste belle cose senza aumentare la volumetria: dopo la finanza ci siamo inventati pure l’edilizia creativa.
Quella che ha portato a concepire questa norma:

1. Tutte le nuove costruzioni dovranno garantire una superficie delle pareti esterne rivestite con pietra locale pari a 1/20 circa della superficie complessiva. Dove sono previsti pilastri esterni, questi dovranno essere realizzati in granito o materiale similare o rivestiti in pietra locale, che saranno detratti dal computo delle superfici rivestite in pietra. Inoltre sono considerate per il calcolo, anche eventuali stipiti per porte, finestre e angoli di pareti;

Bene, bene, il comune si erge a cultore di estetica imponendo al cittadino di utilizzare la “pietra locale” per costruirsi la casa. Modello Costa Smeralda che si sa, noi puntiamo in alto. Infatti, sempre leggendo la delibera si apprende che è fatto obbligo al titolare del permesso di costruire di ultimare l’edificio prima esternamente che internamente per rendere un aspetto decoroso sia all’edificio da realizzare sia alla zona limitrofa.

E se io fossi un povero operaio (che mi sa che ancora c’è n’è) e non avessi abbastanza soldi per costruirmi la casa e volessi pagarmela pian piano? Dovrei coprire le spese prima addobbandola esternamente (in pietra, of course) e in seguito se non sono già morto, devo trovare i soldi per costruirla internamente e quindi abitarla!
L’apparenza regna sovrana e arriva addirittura nelle grigie e astruse delibere comunali.
Mi viene in mente l’assassino de “Il cameramen e l’assassino” che si lamenta dell’estetica degli alloggi sociali in Belgio: “i mattoni sono di color rosso: il colore della violenza!”.
Insomma noi a Viddalba vogliamo essere belli belli e ricchi ricchi, che ce ne volete fare una colpa??

robymono

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...