“Sos propietarios” ostentano nei riguardi di “sos poveros” un atteggiamento paternalistico di protezione, di appariscenti atti di bontà, di promesse, di manifestazioni di simpatia (che manifestano nel loro interesse, temendo il peggio), affittando qualche pascolo a prezzo più umano, trattando i servi delle greggi alla buona, da pari a pari, con non visibili differenze di vita, di vitto, di vestimento; allacciando qualche volta un “comparizio” con il povero. Se il povero o il servo dimostra però di comprendere la differenza sostanziale che intercorre tra di loro, se manifesta intelligenza, spirito di indipendenza e energia, il padrone o superiore scopre di colpo il suo disprezzo; comincia a sospettarlo come un nemico, come il futuro ladro delle sue greggi, delle sue terre, dei suoi averi; apre le ostilità apertamente con l’oppressione, con la denunzia a torto o a ragione per ogni minimo fallo, con l’angheria, con le rappresaglie, con l’omicidio.

(Franco Cagnetta, Banditi a Orgosolo, Illisso, pag. 95)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...