Riporto alcuni commenti interessanti al post “e lezioni?” per aumentare la visibilità (il mezzo ce lo permette) e per lasciare in secondo piano le polemiche personali (lo so, lo so anche quelle fanno parte del gioco).

Gian Pietro Oggiano scrive:

Ciao Roberto, premetto che nonostante ci siano diverse cose sulle quali non concordo con te mi fa davvero un immenso piacere scoprire, purtroppo solo tramite internet, una “testa pensante” come la tua.
Non ho intenzione di esprimere giudizi sulle due liste perchè da diversi anni ormai penso che, in generale, noi italiani “lamentoni” non siamo niente altro che l’immagine dei politici che ci governano.
La mia lontananza dal panorama politico è già una colpa grave, a prescindere dal fatto che sia una volontà mia o una difficolta reale di entrare in cerchie ristrette composte sempre dalle solite persone, pertanto le righe che proverò a buttare giù in questo spazio saranno vigliaccamente (è un’autocritica) molto “neutrali”.
Io credo che, a prescindere dalla grave crisi economica che in questo momento davvero sta ingessando anche i migliori propositi di amministratori lungimiranti (lo dico perchè lo vivo quotidianamente dall’interno,)i risultati di una buona amministrazione dipendano soprattutto da una seria programmazione a monte.
Quasi sempre i programmi elettorali e successivamente quelli amministrativi, sono il classico “libro dei sogni”, inevitabile viatico per interventi “a macchia di leopardo” sia per quanto concerne le opere pubbliche che i servizi offerti al cittadino. Bisognerebbe avere il coraggio di fare magari poche cose ma fatte bene. E’ impossibile nell’arco di una legislature dare tutte le risposte che si vorrebbero dare e spesso e volentieri, tirati da una parte e dall’altra dalle “esorbitanti” promesse elettorali si finisce per fare tante piccole cose incomplete e lasciate spesso in stato di abbandono. Sono ormai anni che continuo a sollecitare gli amministratori a porsi il problema della manutenzione dell’esistente prima di andare a fare qualcosa di nuovo perchè nel giro di dieci anni quello che è stato costruito nell’arco della giovane vita delle amministrazioni di viddalba e dintorni sarà completamente allo sfascio con inevitabili elevati costi al momento in cui si deciderà di intervenire.
Parli di giustamente di sostenibilità e suppongo che tu, deducendolo da quello che scrivi, con questa parola voglia significare il concetto più ampio del termine, intendendo quella socio-culturale e quella ambientale ed economica che come ben sai devono procedere di pari passo.
Capisco benissimo e apprezzo non sai quanto sentirti parlare di certi argomenti e cercare di calarli in piccole realtà come le nostre, ho vissuto anche io le speranze che culli tu guardando la nostra realtà dall’esterno e da lontano, credo che col tempo questi concetti attecchiranno anche qui ma ti assicuro che la strada è ancora tanto lunga.
La “brevità” delle legislature mal si conciliano con la lungimiranza e la programmazione a lungo termine e anche chi ci ha provato a livello regionale(pur con tutti i suoi errori e la sua arroganza)ha dovuto arrendersi alla logica della politichetta e del clientelismo.
Questo è un pò di quanto…abà però mi s’è fusu lu zalbeddu palchi era da troppu chi non pinsaa cussì meda, si mi eni in menti tuttu chissu chi vulia scri arajju a intervenì più in chiddala…un ultima gosa..lu chi ajju scrittu lu pensu ma non ajju mai autu lu curajju di fammi addananzi e punillu in pratiga..non sarà puru un pogu culpa mea?

Mentre Tirata Dritta partorisce invece questi pensieri:

[…]
Detto questo ed evitando di polemizzare ulteriormente vorrei passare ai fatti concreti che ci condurranno alle prossime elezioni. Innanzitutto concordo con chi dice che per avere un quadro generale della situazione bisogna osservare i fatti dall’ esterno. Lo scontro politico invece sembra incentrato su 2 punti principali:
1) la sezione o comunisti che dir si voglia che appoggiano il pensiero presuntuoso che ormai da anni recita così: candidiamo un asino e facciamo vincere un asino ( per essere chiari non riferiti a Tino Ara, ma come noto da sempre purtroppo cavallo di battaglia della sezione che si nasconde dietro le sembianze di una pseudo lista civica). La sezione come si sa inizia il suo lavoro forte di un blocco di 400 voti che arrivano per inerzia da persone che sposano il pensiero dell’ asino nominato prima ( Roba da essere orgogliosi vero?? )
2) la lista del “MATTONE” così chiamata perché hanno chi i mattoni li fabbrica, chi disegna, chi costruisce e chi vende, capitanati da Vito è composta al 40% da dissidenti ex sinistra ( vito, gabriela, claudio, careddu ed enrico) e per il restante 60% da elementi delle vecchie liste dell’ opposizione, per intenderci sono quelli che contestano l’ operato dell’ aministrazione attuale che parlano di programmi, non accettano le critiche e a oggigiorno almeno sul web hanno scritto solo stronzate e frasi retoriche tipo ” io ti spiezzo in 2″!!!
Secondo il mio modesto parere farebbero meglio ad usare il loro tempo per cercare di spiegare alla popolazione quali sono le loro idee (che sembrano abbastanza confuse al momento) e non a fare le vittime di questi famigerati attacchi su FB da parte dei kamikaze comunisti!! In poche parole Vito dicci che vuoi fare se vinci le elezioni?? ( Gradita risposta da Vito possibilmente se non chiedo troppo!! e non da CPO )
Personalmente Non ho mai votato G.Andrea ma viste le persone presenti in campo quest’ anno credo che politicamente lui sarebbe il miglior sindaco che viddalba possa avere in questo momento. Comunque mi pari arriata l ora di lu dialetto si calcunu chi veramenti vo cambia eti ancora 4 di tempu pa fa la telza lista e di la vostra!! La fantasquadra ideale pa li fanta voti: 1) G.Andrea sindagu 2) G.Pietro Oggiano vice pa fassi l’ ossi pa li prossimi 5 anni 3) Roberto Oggiano ministro di li frazioni (visto l impegno sembra il minimo) 4) Franca Pischedda ( lu duttori vi o sempri) 5) Pecci ( lu duttori senza midizini no trabadda) 6) Andrea Cannas ( lu meddu di la combricola di Vito) 7) Francesco Mele ( a faidda in inglesu) 8) Roberta Soggia ( brava bella e intelligente) 9) Massimiliano Oggiano ( giovane promessa) 10) Marcella Peru ( sa lu chi dizi ) 11) Pietro Pischedda ( uno che fa gruppo ) 12) Maria Grazia Bianco ( la fiddola di Andria Rana) 13) Giancarlo Spanu ( chi si no vinzi li otti lu trasferini).
Comunque che vinca il migliore anzi per essere tranquilli quello meno peggiore!!
Saluti da uno che a votare quest’ anno non ci va ( mi dispiazi chi la banda del mattone se cuntendi lo otu meu )

Ho postato questi due perchè mi sembrano i due più interessanti, (se volete leggerli tutti vi ricordo che sono i commenti al post “e lezioni?” che trovate qua sotto) . Il primo perchè è  un punto di vista interno all’amministrazione e raccoglie la mia proposta di dialogo fra giovani, meno giovani e vecchi (avete letto bene, vecchi). Il secondo perchè contiene una dichiarazione di voto o meglio di non – voto, che si aggiunge alla mia. Dato importante visto che a quanto pare 5 anni fa si raggiunse il 97 % di elettori al voto (fonte Nuova Sardegna), e sopratutto dato importante perche sono due giovani che alla politica si interessano e sono quindi delusi.

Riprendo quindi la discussione e continuo.
Cara Tirata dritta mi trovo di più nel ruolo di dissidente che di governo, mi piacerebbe fare le pulci pure alla tua fanta – giunta. Il mio intervento voleva essere senza pretese, so che le idee forse sono inapplicabili e lontane dalla realtà concreta, però almeno delle idee ce le ho.
Ad esempio, quella di usare internet per scambiare opinioni (vedi myspace.com/viddalba) dato che di solito io mi trovo lontano, è venuta naturalmente e a quanto pare è realizzabile. Il forum del sito Viddalba.com ad esempio è abbandonato e malfunzionante. Sono cosciente di essere ancora giovane e inesperto per avere una visione globale di come vanno le cose, ma è proprio perchè sono giovane che sono “incazzato”.
Sarebbe compito di ogni cittadino porre in maniera frequente delle domande all’amministrazione, e sarebbe compito dell’amministrazione rispondere. Se le risposte poi sono positive tanto meglio.
La domanda sulle energie rinnovabili non è una sterile polemica ma è nata da un confronto tra i dati del Rapporto Comuni Rinnovabili di legambiente e i dati di wikipedia sulla produzione di energia eolica: come mai nonostante i 93 aerogeneratori piazzati sui territori dei comuni di Viddalba, Bortigiadas e Aggius non figuriamo tra i 50 comuni più virtuosi mentre fanno la loro bella presenza Tula, Sedini e Tergu? Non sto dicendo che questo dipenda dalla vigente amministrazione, vorrei solo una risposta in merito e ne approfitto ora, dato che in campagna elettorale i “politici” sono più disponibili. E purtroppo non ho tanto tempo di venire al municipio a chiedere, ma credo che il compito di chi amministra nel 2010 sia anche quello di saper usare le tecnologie per rispondere ai cittadini (la cosidetta politica 2.0) . Qualcuno mi sa dire come funziona la comunicazione pubblica a Viddalba, apparte il vis-à-vis e l’andare a chiedere in municipio? O devo avere per forza il numero di telefono del sindaco e degli assessori? Anche se Viddalba è una realtà piccola e lontana dai grossi centri non potrebbe diventare esempio per gli altri di buona amministrazione attenta a ciò che succede in Italia e nel mondo? Bisognerebbe andare in po’ più in là di Badesi e di Valledoria e andare a vedere come lavorano le altre amministrazioni in Emilia, in Toscana, in Piemonte. Ormai c’è internet, possiamo prendere spunto. A costo di fare delle figuracce spero che qualcuno da “palazzo giallo” (mamma mea cant’è feu) venga a dirmi che queste cose si fanno già e in ballo qua c’è solo la mia ignoranza. Ripeto ancora che dalla lista di Vito Ara non mi aspetto una virata in senso verde ed ecologico, quindi se volete chiamatelo “dibattito interno alla sinistra”, chiamatelo come vi pare ma al prossimo che mi chiama “mente pensante” verrà impedito l’accesso a Giuncana per un anno. Fijuleti oi.

Roberto Oggiano

Annunci

4 pensieri su “Mein kampf

  1. Ora sono di fretta ..era solo per dire due cose:
    1)che io ti ho chiamato “testa” pensante!! Divieto di accesso a Giuncana evitato …TIE’!
    2)Trovo giusta l’osservazione di Roberto sul fatto che la l’obbiettivo di raggiungere dei risultati nel campo delle energie rinnovabili può essere perseguito anche da una piccola realtà come Viddalba se si riesce a guardare più in là dei cinque anni di legislatura. Faccio mea culpa se dai miei discorsi sembra evincersi una sorta di rassegnazione che in realtà non è tale…era solo un giorno un pò così..
    A Valledoria abbiamo già provato a mettere in cantiere diverse idee sia per quanto riguarda il fotovoltaico (deliberazione consiliare di concessione dei tetti di edifici e aree comunali) che l’eolico su scala ridotta (pali di illuminazione pubblica “eolici”)..le idee ci sono…ci si sta lavorando..le difficoltà amministrative (poca chiarezza nellalegislazione in ordine agli strumenti da utilizzare quali project financing o concessione) e i costi spesso esagerati per ottenere il prodotto finito nella nostra isola ci hanno per ora (sinceramente anche su mio consiglio) frenati. Ora si sta iniziando a vedere qualcosa di più chiaro e i costi, soprattutto del fotovoltaico, nel giro di due anni, come avevo previsto (ma era facile non sono un genio) si sono quasi dimezzati…ja vi la femmu..
    Saluti

  2. Tandu…pongu subitu li mani addananzi(mi sentu un bè cunigliu), no digu ca sogu, solu palchi diventa siguramente una cosa di personale, e quindi voddu di la mea senza uffindi a nisciunu…ma siccumenti mi s’hani presu a la mala pa meda dimancu, tandu pa no sbaglià,mi piddu lu siguru.
    Eu a differenza di Tirata Dritta aju d’anda a vuttà, e sogu 1 di chissi 400 otti chi vottani pa “inerzia”(pa catalogammi alla moda di Tirata Dritta).Sogu un “comunista” e la sani tutti. Ma no un comunista chi fazi politiga, ma un comunista chi votta.E volia precisà un paju di cosi: primma di tuttu cunnosciu personalmente cà ha bugatu la frase”un asinu punimmu, e un asinu vuttemmu” , e la cosa bedda è chi 5 anni dapoi lu fiddolu era candidatu all’alta palti(semmu faiddendi di un bè d’anni fà).Poi ,chi ex sinistra ,illa lista di lu “mattoni”, vinnè calcunu in più ( per es. lu tantu amatu Andrea Cannas,e l’altu Andrea (Ledda)),quindi pudemmu puru di chi so lu 60%, e senza cuntà tutti chissi chi vi sò addaretu alle “quinte”,di ex sinistra.
    “un asinu punimmu e un asinu vuttemmu”, alla fini è sempre risultatu un modu di dì, datu chi (sempri sigundu me) hani sempri sceltu ottimi elementi a amministrà lu comune di Viddaeccia.
    Eu personalmente no aju nudda di dì ne all’amminstrazione uscente e ne a cà v’era primma, sogu una passona chi no è mai isciuta da viddaeccia e magari non mi considereti all’altezza ostra, ma lu ottu è uguali, sempri unu è.
    Pensu chi Tino Ara sia un sindagu bravu, e lu pensu puru di Signor’Edda e di Piera Schirru ,e chi visti da fora (cioè da una passona cumente me chi no connosci ne termini appropriati,ne tempi burocratighi, ne nudda ghi riguarda l’amministrà un paesi), hani fattu meda pa viddaeccia.
    Faeddu da passona normale, fora da tutti li joghi:
    primma di tuttu lu nostru è un paesi pulitu;la luzi l’haemmu in dugna logu; li marciapiedi in tutta la via centrale e no solu; li parchi giochi pa viddaeccia di gnò,di mezu e di supra; lu campu santu più mannu; la (tantu richiesta) zona industriali; un beddu complesso sportivo(fetivi un jiru illi paesi accultu);no vaemmu più lu problema di la piena;vaemmu una bedda intrata; vaemmu un beddu parco chi zi polta a cunniscì un pogu di storia di lu paesi nostru, cun tutti li vari reperti archeologighi; vaemmu lu museo, chi è visitatu da tutti li scoli di la saldigna(e no solu, e li pulma chi viditi arressi illa piazza di lu comune, no sempri è chissu chi ti polta a bultijiata); senza cuntà tutta la lotta chi hani sempre fattu pà chisti beneditti terme e chi a cantu pari vill’ani quasi fatta; vaemmu un signor centro sociale; vaemmu una bedda e manna palestra;pudemmu arrià a lu mari di baia di li mimosi nin 3 minuti (passendi da la capazza);vaemmu lu centro di lu 118(la croce verde);e no è veru chi in viddaeccia si fazini solu sagri, e tutti li mostri di carattere storico-sociale, cumente chissu di lu tappetu o di la fotografia e alti chi abà no mi enini.E li convegni (sempri abbalti atutti) undi si faedda di malatii e tumori vari. E si dapoi erani 39 li punti di lu programma e n’hani fattu 12 ,demmuli un’alta possibilitai e femmuvillu cumpri lu programma ,no???
    Un’alta cosa chi ajiu lettu, e chi mi polta a faidda è chi viddaeccia è cunnisciuta fora grazie a li impresi privati; bè palfolza, chi siani impresi edili, o commercianti ( o cosa vi piazi), dimmu puru chi zi cunnoscini grazie a voi, ma solu palchi seti oi chi eti dizzisu di andà a fà divintà manni l’alti paesi (basta chi zi femmu un jiru in codarruina).Ma, si pa l’intrati ostri eti preferitu andavvinni a fora, no vi critighijia nisciunu, però no è mancu justu chi faedditi mali a lu “comune” palchissu.E sogu siguru chi si li laghemmu fà arrescini puru a punì li pannelli solari innantu a lu tettu di lu comune( e chi è feu è veru mi…ma ja no s’hani a brià cu li scoli no…).
    Oh, cosi di dì vinni so meda, ma a scrilli vi ho troppu. Eu sogu orgogliosu di fa palti di lu gruppo di la “sezione” (puru si no vandu mai)e la lista chi hani fattu chist’annu mi piazi meda, vi sò in mezu a lu mancu 3 passoni chi poni esse li futuri sindaghi(sempri sigundu me), e comunque chissi chi hani “cambiatu” no voni esse critigati, ettandu no puditi piddavilla si cà no vò cambià no vi otta!!!!Eu no ajiu di da nudda a nisciunu e nisciunu m’ha di dà nudda, no ajiu mai trabaddatu pa lu comune e mi sogu sempri arragnatu, quindi sogu una passona chi vota sempre alla stessa palti palchi tinemente a abali no m’hani mai datu un muttiu pa cambià( e sogu occia a lu comune, no a ca si preoccupijia di fa li listi), e cumenti si dizi , eu no la lagu la strada eccia pa la strada noa(specialmente si la eccia mi polta sempri a casa…).E m’harani a scusà si m’hajiu lagatu calche cosa chi hani fattu (chissi i lu comune) e chi no ajiu scrittu, ma un bè di cosi no mi enini e un bè di cosi mancu ni sogu chi l’ani fatti.
    E scusetimi tutti pa lu dialetto porcheddino, ma ajiu scrittu cumenti faeddu e la perifrase(si dizi cussì?), m’hai a scusà Robè , ma no sogu mancu cos’è…:-))),ma credu chi mi cumprinditi tutti( e ca no mi cumprendi vo dì chi no di viddaeccia, e chi quindi no n’era cumpresu nudda mancu in italiano)… mi pari chi no ajiu faiddatu mali di nisciunu e a nisciunu, quindi abà vi salutu tuttiganti e spiremmu chi vinziani torra chissi di la sezione!!!!

  3. la perifrasi a cantu ni sogh’eu è una frase chi si tratta pa spiegà una paraula diffizili o pogu cunnisciuta trattata pa fa più lestri. Selvi pa risparmià parauli (dugna gosa ha un preju. 😉 ) Oh…sogu studiendi, laghetimminni buddì un pogu, sinnò mi dizini chi no sogu fendi nudda chizi.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Perifrasi

    http://www.treccani.it/Portale/elements/categoriesItems.jsp?pathFile=/sites/default/BancaDati/Enciclopedia_online/P/ENCICLOPEDIA_UNIVERSALE_3_VOLUMI_3_vol_018293.xml

    Ecco un intervento concreto di un cittadino qualunque che dice la sua sullo stato delle cose e a quanto leggete diversa dalla mia (ad esempio io non vanterei mai il cimitero). Politica 2.0.
    Un’altra utopia sarebbe quella di poter scambiarsi opinioni in pubblico senza bugazzinni l’occi (ecco un esempio di perifrasi). Ma da quando internet è internet i nickname esistono e non saremo noi a debellarli. Vi chiederei la cortesia appena vengon fuori le liste ufficiali di postarle su fb o sul blog o dove più vi piace. Apritevelo pure voi un blog cussì mi fozzu li fatti ostri. Pace, amore e faccia di gulu.

  4. In attesa “fremente” della presentazione delle due liste propongo di cimentarci nello scrivere quello che, senza voli pindarici, vorremmo per il nostro paese:
    Opere Pubbliche:
    Servizi alle persone:
    Cultura:
    Interventi finalizzati al risparmio energetico e alla tutela del patrimonio territoriale:

    Un suggerimento per emtrambe le liste: rammento come ormai ripeto da anni che se la smettessimo con gli inutili campanilismi vi sono molti servizi che possono essere svolti in unione con i comuni limitrofi e che porterebbero a risparmi notevoli e risultati superiori.
    Il servizio della raccolta RR.SS.UU. nè è la chiara dimostrazione, continuare su questa strada porterà solo a benefici per tutti.
    Verde urbano, polizia municipale, gestione dei cimiteri, gestione degli impianti dell’illuminazione pubblica, gestione coordinata degli impianti sportivi disseminati nel territorio, etc etc.
    Il decollo definitivo dell’Unione dei Comuni avverrà solo quando questi e altri servizi verranno svolti per il tramite di questo macchina che stenta a decollare e faranno anche da volano a quelle attività ludico – culturali che per inutili retaggi campanilistici continuano ad essere testardamente svolte in ogni singolo paese portando a risultati quantomeno desolanti (un esmpio per tutti le manifestazioni carnevalesche).
    Buon divertimento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...