Quinto giorno di Tff che si apre alle 14.15 al Cinema Greenwich con “Rebel without cause” che in italiano è stato tradotto in “Gioventù Bruciata”, di Nicolas Ray con uno scintillante James Dean che interpreta un ragazzo ribelle ma buono. La lettura potrebbe essere quella del mancato dialogo dei giovani con i genitori visto che tutti i protagonisti hanno problemi con le rispettive famiglie (quando la si ha, la famiglia). E’ sicuramente un classico da vedere ed è datato 1955. Con un salto temporale e geografico  torniamo all’ Italia del 2009 con “La Bella Gente” di Ivano De Matteo dove emerge tutta l’ipocrisia di chi ostenta di essere buono e di essere solidale e in realtà quando ciò che ha costruito di affettivo o economico è in pericolo è prontissima a tirarsi indietro; è la storia di una prostituta che viene dapprima salvata da una famiglia borghese e poi abbandonata al proprio destino perchè invaghitasi del figlio della coppia che decide di toglierla dalla strada (interpretata dall’ottima Monica Guerritore e da Antonio Catanìa). E’ un film che fa riflettere e che forse proprio per questo non ha ancora distribuzione nelle sale italiane. Un motivo in più per ringraziare il Torino Film Festival.

Roberto Oggiano

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...